Santiago non è la fine della strada, è l’inizio…

Il cammino di Santiago è una di quelle esperienze che tutti dovrebbero fare almeno una volta nella vita. Erano anni che sentivo parlare di questocammino, ma non avrei mai immaginato di quanto fantastica potesse essere questa esperienza. Così durante uno di quei freddi giorni di Dicembre in cui la voglia di camminare ti fa fantasticare su quale potrebbe essere il tuo prossimo viaggio, incontrai per caso il mio amico Antonio che mi raccontò il suo cammino verso Santiago vissuto durante l’estate passata

Fù quindi in quel momento che mi balenò sulla testa l’idea di partire anche io per questa fantastica esperienza, ma per ovvie ragioni lavorative avrei potuto farlo solo durante i mesi invernali, i più freddi.

Ho quindi iniziato la mia ricerca online cercando di acquisire tutte le possibili informazioni riguardo il Cammino di Santiago di Compostela.
Molti siti internet e blog parlavano di come pianificare al meglio questo importante viaggio, ma quasi tutti consigliavano di percorrere il Camino.

a partire dalla primavera.

Ho capito quindi che la maggior parte dei Pellegrini pianificavano il loro cammmino durante i mesi più caldi e ciò significava che il periodo invernale era quello meno affluenza. Unico deilemma era la logistica del mio futuro cammino, in quanto durante i mesi invernali la maggior parte degli albergues sono chiusi e il rischio di trovarsi in zone remote senza un luogo dove dormire e dopo aver percorso molti chilometri era davvero alto!

Decisi comunque di partire e in un paio di giorni di giorni mi ritrovai in una freddissima Leon pronto per iniziare il Cammino di Santiago di Compostela

Non ci sono parole per descrivere quanto intensa sia stata questa esperienza da Pellegrino
Quello che riesco ad esprimere è solamente gratitudine nel aver potuto percorrere il cammino in un momento dell’anno sicuramente difficile viste le basse temperature e la carenza dei servizi al pellegrino che sono normalmente disponibili a partire dalla primavera, ma che più ch mai si è avvicinato a quella che poteva essere l’esperienza più genuina e introsppetiva del Cammino stesso.

I pellegrini che incontri furono davvero pochi così come gli albergue aperti, ma furono proprio questi eventi a rendere la mia esperienza davvero unico che sicuramente ripeterò in futuro. Attraverso i video di seguito sperò si possa cogliere il fascino del Cammino Santiago in tutto il suo splendore.video clips of my Camino de Santiago de Compostela.

As well I would like to remember on this page some words which another Pilgrim say to me during thee Camino “Doesn’t matter the reason of your Camino, He will give you what you need not what you want” Buen Camino Pelegrino!